Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Allo sportello Italia batte Germania

Adesso o mai più.  Sarà difficile infatti trovare una situazione più vantaggiosa per investire, almeno dal punto di vista del costo. I dati Bankitalia di settembre evidenziano un tasso medio per le imprese pari all’1,5%, quasi 50 punti base in meno rispetto a 12 mesi prima, il minimo di sempre.

La discesa dei tassi è stata più forte in Italia rispetto alla Germania, che proprio a settembre diventa marginalmente più “cara”, con tassi medi pari all’1,51%.

Un sorpasso già verificato un anno fa nei dati preliminari, poi rettificati per ristabilire le gerarchie, e lo stesso riallineamento potrebbe avvenire anche ora. Ma la sostanza non cambia: dal punto di vista del costo allo sportello il gap con i nostri concorrenti tedeschi non esiste più.

Per alcune tipologie di prestito, come le operazioni superiori al milione di euro con scadenza tra 1 e 5 anni, il tasso medio per i nuovi finanziamenti scende in Italia persino al di sotto del punto percentuale.

Gli incentivi di Industria 4.0 ridurranno ulteriormente il costo per le imprese (il 60% dell’investimento si ripaga con le minori tasse legate al superammortamento) e il 2017 sarà quindi l’anno della verità per gli investimenti. Adesso o mai più.