Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Scatto record per i prestiti a medio termine

Forse ci siamo. I dati di novembre sul credito mostrano un’impennata dei prestiti a medio termine, possibile segnale di una ripresa degli investimenti aziendali.  Trend in atto ormai da qualche mese, che a novembre si rafforza in modo evidente.

Il totale dei prestiti tra 1 e 5 anni per le società non finanziarie lievita infatti a 160,8 miliardi, il valore più alto dal novembre del 2008. Stock alimentati da nuovi flussi, in aumento esplosivo nel mese.

Per le operazioni di taglio inferiore al milione di euro i volumi sono stati pari a 800 milioni di euro, più del doppio rispetto allo stesso mese del 2015, il massimo di sempre nella serie storica mensile di Bankitalia.

Balzo analogo per i prestiti tra 1 e 5 anni di oltre un milione di euro, con volumi lievitati a 1,45 miliardi, dai 255 milioni del novembre 2015: per trovare un valore più alto occorre tornare all’aprile del 2008.

I 2,25 miliardi di nuove operazioni a medio termine realizzate sono ancora poca cosa rispetto ai volumi dei nuovi prestiti mensili (35,6 miliardi) ma rappresentano l’unica area in crescita decisa.

Serviranno naturalmente conferme ulteriori, un mese non basta per definire un trend, ma la speranza è che dopo otto anni di stop le aziende abbiano infine ripreso ad investire, sfruttando il ridotto livello dei tassi, arrivati ai minimi storici. Iperammortamento e Sabatini-bis “rafforzata” per i beni di Industria 4.0 vanno ad irrobustire nel 2017 gli incentivi ad investire e potranno contribuire ad una ripresa ancora più solida dei flussi di finanziamento.