Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I morti sul lavoro sono tutti uguali

Il dolore per la morte di un ragazzo su un campo da calcio è immenso. Ma la sospensione dei campionati è una decisione poco comprensibile (e premetto di non essere un tifoso). Lo stop nulla aggiunge alla naturale solidarietà di tutti noi alla famiglia dello scomparso, piuttosto crea l'ennesima distinzione ingiustificata. Ogni giorno in media nel nostro paese due persone perdono la vita sul posto di lavoro, come è accaduto purtroppo ieri al giovane Piermario Morosini. E tuttavia, quando capita ad un operaio o ad un muratore non si fermano fabbriche e cantieri in tutta Italia. Eppure le vite, e le morti, sono tutte uguali.