Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Dal Governo una bacchettata sulle dita ai petrolieri

Il ministero dello Sviluppo non poteva essere più esplicito: "ci aspettiamo da oggi un calo di 4-5 centesimi al litro per i carburanti". Il confronto con i prezzi internazionali vede l'Italia al di sopra della media e la bacchettata sulle dita dei petrolieri è l'ennesima dimostrazione della difficoltà della concorrenza in questo settore.  Qualche dubbio sul metodo. Forse, piuttosto che intervenire ogni volta sulla base delle lamentele delle associazioni dei consumatori, sarebbe utile trovare uno schema fisso, una banda di oscillazione dei prezzi che utilizzi come parametro i riferimenti europei.  Altro suggerimento al Governo: perché non indaga sull'entità delle royalties che incassano le concessionarie autostradali per ogni litro di benzina ? Alla fine dell'indagine si può magari decidere che questa remunerazione sia equa e legittima, oppure cercare di ridurre il balzello. In ogni caso, già sapere quanto ci costa sarebbe un bel passo avanti.