Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Tutti in coda per il Gpl

A ottobre nuovo crollo nei consumi di carburanti. I dati comunicati dall'Unione Petrolifera evidenziano per la  benzina un calo tendenziale dell'8,2% mentre il gasolio cede il 6,3%. E i risultati sarebbero stati ben peggiori se non vi fossero stati due giorni di consegna in più rispetto allo stesso mese del 2011.

In dieci mesi l'effetto combinato della recessione economica, del calo dei posti di lavoro, dell'aumento delle tasse e riduzione del reddito disponibile crea una voragine di tre milioni di tonnellate. Tre milioni di tonnellate in meno di cosnumi di carburanti che rappresenta un crollo del 9,9%.

L'unico dato in controtendenza, ormai da mesi, è quello relativo al Gpl: ad ottobre i consumi balzano addirittura del 16%, da inizio anno c'è una crescita del 6,5%. L'ennesimo indicatore della fortissima necessità di risparmio delle famiglie italiane.