Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

I timori di Maroni sull’Expo

"Speriamo che il tempo basti, non ne sono del tutto sicuro, certo abbiamo buttato via due anni". Roberto Maroni davanti agli imprenditori di Lecco offre uno squarcio di realismo sulle prospettive di Expo 2015 e soprattutto sulla possibilità di arrivare per tempo all'appuntamento realizzando tutte le infrastrutture necessarie. La bocciatura rispetto alla passata gestione istituzionale è netta, "giudizio insufficiente", con un misto di opportunismo politico e tuttavia anche di realismo.

Se per il nuovo Governatore è infatti relativamente agevole scaricare le responsabilità dei ritardi sulla passata gestione, c'è però per una volta una risposta di buon senso davanti al disastro di questi anni, con Formigoni e Moratti impegnati più a litigare che non ad agire, sempre e comunque a negare l'evidente impasse.

Il lungo braccio di ferro legato alle modalità di ottenimento della disponibiltà del sito (perché per quanto surreale possa sembrare il terreno è stato acquisito solo in un secondo tempo) ha bruciato infatti ogni margine temporale, che pure era rilevante.

E se per anni Formigoni ha ripetuto fino alla noia "non abbiamo perso un solo giorno", chi guida ora la Regione adotta una forma di comunicazione diversa. Almeno per ora, sperando che con il passare del tempo non prenda i vizi di chi lo ha preceduto.