Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sprint estero per gli ordini dell’industria

Non è ancora la luce in fondo al tunnel ma qualche segnale per essere un poco più ottimisti forse c'è. Il fatturato dell'industria ad aprile cresce rispetto al mese precedente e questo accade dopo tre "rossi" consecutivi nel dato congiunturale. La crescita è appena dello 0,6% ed è trainata dalle vendite estere, mentre sul mercato interno c'è una frenata dello 0,3%. Analogo il risultato mensile per gli ordini (+0,6%), con la domanda estera che sale del 3,2%.

Su base annua i ricavi sono invece ancora pesantemente in rosso (-7,2%), con il calo in Italia a doppia cifra e un "magro" +2,1% oltreconfine. Ma guardando ai ricavi dei prossimi mesi, visibili nei nuovi ordini acquisiti, lo scatto che arriva dall'estero fa ben sperare, con una crescita tendenziale del 9,7%.

Certo, il buco nero resta il mercato interno, con ordini annui in caduta di quasi 9 punti, una frenata che si concentra in particolare nei beni strumentali, dove i ricavi cedono oltre il 16%. 

Bene ha fatto dunque il Governo ha impostare una sorta di "Sabatini bis" per incentivare l'acquisto di macchinari, perché è proprio questo uno degli epicentri della crisi nazionale: la scarsa voglia di investire.